Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
  • A corredo:
  • Mappa:
File
Titolo
Santa Rosalia e la peste
Operatore
G.Pasciuta
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
2020-11-05
Luogo di registrazione
Palermo
Descrizione

PALERMO AL TEMPO DELLA PESTE  - Brano letto da Filippo Verna Cuticchio

 

Tratto (con adattamento) da: L’Originale delli testimonij di Santa Rosalia
 

Giorno 23 ottobre 1624, Palermo

Interrogatus: Come si chiama

Respondit: Io mi chiamo Geronimo Canina, panormitano, et sto al cortiglio di Macciune a San Giuliano

Interrogatus: quanti anni tiene et a chi s’essercita

Respondit: Io sono d’età 27 et faccio l’officio di commessario nel gran corte.

Interrogatus: Come si retrova nel lazzaretto

Respondit: Io sono condannato dal monsignor Cardinale per servire gl’infetti.

Interrogatus: Chi gratia ha recevuto dalla gloriosa santa Rosolea

Respondit: Io servendo gli infetti cascai con febre maligna havendo un bozzo sotto il bracchio sinistro e due bozzi nelle coscie (uno per parti) , non poteva caminare, stetti cinque giorni che sparlava, perse li sensi, perse la parola, fu abbandonato da medici, videlicet Mario Rizzo, Antonio Caprera et Demitri il Greco. Mi fu fatta certa acqua della gloriosa santa Rosolea dal padre Adriano di Palermo mio confessore, e pigliando quella con divotione grande, invocandola che mi liberasse, innanzi li 24 hore io mi levai da letto e stava buono e libero dalla febre maligna e da tutti li bozzi, con gran maraviglia di tutti. Questa mi parse gratia particolare della Santa.

Interrogatus: se havesse preso dalla bocca alcun remedio naturale datoci da medici per tal effetto.

Respondit: Io non prese niuno remedio naturale ma il remedio fu l’Acqua della gloriosa santa Rosolea.

Interrogatus: se sapesse che giornata fusse quando hebbe la gratia

Respondit: Io non mi ricordo il giorno particolare, ma credo che sia stato alli 2 d’ottobre.

Interrogatus: se havesse esso testimonio pubblicato questa gratia ad alcuno.

Respondit: Lo sanno tutti quelli genti che sono nel borgo, e particolare lo sanno, il padre Adriano di Palermo, Gioanne Cardona e Pietro di Raona. Haec est veritas de causa scientiae cum iuramento de more solito etc.

 

 

Categoria
Audioletture in Siciliano
Keywords
Rosalia peste cuticchio
Ente
privato

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Creative Commons License