Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
File
Titolo
U tròcculu rê campani (la “musica” dei campanacci) - audio
Operatore
Bonanzinga
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
1987-06-13
Luogo di registrazione
Sortino (SR)
Descrizione

Materiali tratti dal volume Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione - CRICD, Palermo 2008, a cura di Sergio Bonanzinga, interamente scaricabile dalla sezione risorse di "Arca dei Suoni", dopo avere effettuato la registrazione.

Esecuzione del Sig Paolo Carpinteri, rilevata presso abitazione privata.

Testo:
Se iu mitteva quindici, venti, cinquanta, centu campani, eh… cci voli l’òcchiu. Quandu iu mitteva i campani sopra nna capra, nna pecora, e nun cci stava bbeni, nun ce la mitteva. Perché un altro pastore, rici: «Guarda cosa cciâ mmisu là!». O cci sta lungo e quandu pascola bbatti n-terra e non suona, o chi cci sta ccurta, l’affuca. Quandu cci sta ccurta, nun sona, picchì sta ncullata, invece cci ddeve stari che ddeve lavorari per bene, cci’avi ddari a uoga: a uoga pricisa.
Uogni ddeci campani – proprio la regola d’arte – ogni ddeci campani ci vonnu ddu muligni. A cchiù ranni è dubbiuni, ca poi si metti ê bbuoi, oppuri a nna vacca ca è “mastina”, è più grande. Poi cc’è a campana e vacca. Poi cc’è a cincu italiana. Poi cc’è a quattru italiana. Poi ci sunu quelli dê capri: cc’è a caprina. Poi cc’è a picurina. Poi c’è a trizzalora picurina. Poi c’è a minzalina, è cchiù picca dâ trizzalora, no? E poi cc’è a gnellina: gnellina, quelle che sù proprio piccoli.
I toni dê campani sù diversi: c’è a fimminina, c’è masculina, c’è tuppigna allegra. Sacunnu u tonu, rici, chista iè tuppigna, chista è tuppigna allegra, chista è mmasculina, chista è ttròcculu tunnu: tròcculu tunnu sarebbi un tonu cupu. Tuppigna è ancora cchiù fimminina, cchiù allegra. Poi c’è quella argentina, quella fimminina sarebbe come na bambina ca piange, no? Uì, uì! A masculina sarebbi u tonu cchiù ttondu, cchiù grossu và, com’è unu ca parra grò, grò! U mulignu è di nn’autra forma: c’è chitru masculinu e cc’è chitru fimmininu.
Questa qui è campana caprina, mascolina [SUONO]; [SUONO] caprina [SUONO], fimminina; [SUONO] chista è mmasculina. Poi c’è chista chi iè cchiù fimminina di quella [SUONO], è cchiù schigghienti questa qui. Però tutti ddui fòrmunu na musica, guarda qui [SUONO]: però c’è u masculu câ fìmmina. Chistu sarebbi a muligna [SUONO]: chistu nun è né fimminina, né mmasculina, rumpi u tonu di tutti pari pari, no? Trizzalora picurina [SUONO]: chista ccà è na tuppigna allegra. Chista è tuppigna addirittura [SUONO]. Chisti sù i trizzalori [SUONO]: e chisti sù u masculu e a fìmmina [SUONO], chista è cchiù fimminina di chista ccà. Chisti sù i minzalini [SUONO], e ppoi c’è a muligna [SUONO]: sacunnu u tonu ca iè, cci metti a muligna nnô menzu [SUONO]. Chista è agniddina [SUONO], ora cciâ ccattari a cumpagna a cchista, poi cci mittemu a muligna nnô menzu.
Iu capeva si pasceva nna pecura, si bbiveva, su caminava e ssu ricumiava. Chistu ccà è quannu camina [SUONO]. Poi c’è quannu pàscula [SUONO]. Quannu bbeve fa così [SUONO]. Quannu ripassa – ricumìa, no? – e allora fa ccussì [SUONO].
Noi usavamo, mio padre usava, ca primma di Pasqua nun mitteva campane: per Pasqua. Itru quannu sciugghìunu i campani – tannu sciugghìumu i campani all’unnici i iornu – i purtava a casa e cci appinniva i campani.
Quando andavamo a comprare, a nna fiera, quello cci rici: «Comprami deci campane». Nui ricemu “scartali”. E allora ti prendo na campana, la prima eni masculina, e si suona. Quello, che ci va ad orecchio, a prenni nnê mani e accorda supra di quella là: a usu di musica, no? Chista è nna musica! Com’è nnâ musica? C’è a grancascia, c’è u viulinu, c’è a curnetta, c’è u tamburu, no? U sonu dê campani è tuttu così: n-sonu unitu forma na musica! U tròcculu sarebbi [SUONO], u tròcculu di tutti: n-tròcculu unitu ca forma na musica. A musica a fà si ssù accurdati: si nun sù accurdati, una a spara a llevanti e ll’autra a ppunenti. Ccà sente nna musica perfetta! [SUONO].

Traduzione:
Se io appendevo quindici, venti, cinquanta, cento campane, eh… ci vuole l’occhio. Quando io mettevo le campane a una capra, una pecora, e non le stava bene, io non gliela mettevo. Perché un altro pastore dice: «Guarda là cosa ci ha messo!» O [la campana] gli sta lunga e quando [l’animale] pascola, sbatte a terra e non suona, o se gli sta corta, soffoca. Quando gli sta corta non suona, perché è troppo attaccata al collo, invece deve lavorare bene, deve avere il movimento preciso.
Ogni dieci campane – è proprio la regola d’arte – ogni dieci campane, ci vogliono due muligni [campanelle realizzate a stampo]. La più grande si chiama dubbiuni, che si mette ai buoi oppure a una mucca molto grande. Poi c’è la campana da vacca. Poi c’è la “cinque italiana”. Poi c’è la “quattro italiana”. Poi ci sono quelle delle capre: c’è la “caprina”. Poi c’è la “pecorina”. Poi c’è la trizzalora pecorina. Poi c’è la minzalina, che è più piccola è inferiore della trizzalora, no? E poi c’è la gnellina: le “agnelline” sono proprio piccole.
I “toni” delle campane sono diversi: c’è la “femmina”, c’è il “maschio”, c’è tuppigna allegra. A seconda del suono si dice: questa è tuppigna, questa è tuppigna allegra, questa è maschile, questa è tròcculu tunnu: sarebbe un tono cupo. Tuppigna è ancora più femminile, più allegra. Poi c’è quella argentina, sarebbe quella femminile, ma come una bambina che piange, no? Uì, uì! Quella maschile ha un suono più pieno, più basso, come quando una persona parla grò, grò! Il mulignu ha un’altra forma: c’è quello maschile e c’è quello femminile.
Questa qui è campana caprina, maschile; caprina, femminile; questa è maschile. Poi c’è questa che è più femminile di quella, è più squillante questa qui. Però tutt’e due formano una musica, guarda qui, però c’è il maschio con la femmina. Questo sarebbe il mulignu: questo non è né femmina né maschio, spezza il suono di tutti quanti, no? La trizzalora pecorina: questa qui è una tuppigna allegra. Questa è proprio tuppigna. Queste sono le trizzalori: una è maschio e l’altra è femmina, questa è più femminile rispetto all’altra. Questi sono i minzalini e poi c’è il mulignu: secondo il suono che hanno si associa il mulignu. Questa è “agnellina”, ora devo procurare una compagna, poi aggiungiamo il mulignu.
Io capivo se una pecora pascolava, beveva, camminava o ruminava. Questo è il suono di quando cammina. Poi c’è il suono di quando pascola. Quando beve fa così. Quando rumina suona così.
Noi usavamo, mio padre usava, che prima di Pasqua non appendeva le campane: per Pasqua. Lui, quando “si scioglievano” le campane [delle chiese] – allora si faceva alle undici di mattina – le portava a casa [pecore e capre] e appendeva le campane.
Quando andavamo a comprare a una fiera, qualcuno diceva: «Comprami dieci campane». Noi diciamo scartale (“sceglile”). Quindi prendo una campana, la prima [deve essere] maschile e si suona. Quello, che va “a orecchio”, la prende in mano e accorda sopra quella là: come fosse musica, no? Questa è una musica! Com’è nella musica? C’è la grancassa, c’è il violino, c’è la cornetta, c’è il tamburo, no? Il suono delle campane è tutto così: un suono unito forma una musica. Il tròcculu sarebbe l’insieme delle campane: un tròcculu che forma una musica. La musica la fanno se [le campane] sono accordate, se non sono accordate, una spara a levante e l’altra a ponente. Qua sente una musica perfetta!

Durata: 5'23".

Categoria
Mestieri e Saperi Tradizionali
Keywords
campane tròcculo suoni pastori Sortino
Ente
CRICD

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Tutti i diritti riservati