Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
File
Titolo
Mercati Storici Siciliani - Giocata di 'tuoccu' al Borgo - audio
Operatore
Augello - Passante
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
2005-12-14
Luogo di registrazione
Palermo
Descrizione

I giocatori di 'Tuoccu' in un'osteria del Borgo fanno la conta per decidere chi berrà il vino o la birra in palio.

Nota di Orietta Sorgi:

Il tocco (u tuoccu), giocato ancora oggi in molte taverne siciliane, ha una dimensione immateriale condivisa da tutte le persone che vi prendono parte e conferma l’esistenza di un piano di comportamenti ludico-cerimoniali che investe una parte della comunità. Esso costituisce, in generale, un tradizionale modo di bere in gruppo la cui diffusione è attestata dall’antichità anche in molti paesi della Francia meridionale.

In Sicilia, tradizionalmente giocavano al tocco le fasce più marginali, come il sottoproletariato urbano, o quelle maggiormente sottoposte a rischi nella dura lotta per la sopravvivenza come gli zolfatai e i cavatori di pietra e i marinai.

Ancora oggi nelle taverne dei mercati chi si riunisce per giocare al tocco fa parte di una classe sociale molto bassa.

La funzione fondamentale del gioco sembra essere quella di contenere a livello ludico le conflittualità sottese fra i membri di una comunità. Attraverso le denominazioni del padrone (u patruni) e del sotto (u sutta) si assiste ad un inversione dei ruoli, ad una complicità ritualizzata che permette la rottura temporanea del ritmo e dei doveri della vita quotidiana.

Categoria
Voci dei Mercati
Keywords
giocatori - osteria - Borgo - u tuoccu
Ente
CRICD

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Creative Commons License