Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Suoni, voci, rumori, racconti, cultura popolare: ”L’Arca dei Suoni”, progetto promosso dal CRICD dell’Assessorato ai Beni Culturali, cui ha aderito, tra le altre scuole, anche l’ITI Vittorio Emanuele III di Palermo.

I docenti e gli alunni, preventivamente informati e formati attraverso numerosi incontri, condotti dai responsabili regionali, hanno partecipato con interesse e vivo entusiasmo alle attività di ricerche, effettuate nel territorio.

Gli studenti hanno volontariamente lavorato anche al di fuori delle ore curriculari, utilizzando registratori e videocamere, strumenti che hanno fissato e conservato interviste corredate spesso da immagini.

Le attività, hanno avuto inizio all’interno della scuola nel laboratorio di meccanica e via via si sono estese all’esterno della città e della provincia.

Il sito, creato dall’Arca dei Suoni, ha raccolto varie testimonianze che hanno consentito agli alunni di essere “protagonisti”, piccoli ricercatori, capaci di condurre interviste e di trasferirle sul sito. Gli studenti hanno preso coscienza dell’importanza della conservazione dei beni immateriali che testimoniano le loro radici culturali.

La ricaduta didattica e formativa è stata positiva, al di sopra delle aspettative dei docenti, che hanno partecipato con entusiasmo al lavoro svolto dagli allievi.

Questo progetto, di grande respiro culturale, che per la prima volta ha coinvolto le scuole, divenute laboratorio culturale sul territorio, va sostenuto e proseguito non soltanto per i risultati positivi realizzati, ma anche per aver avvicinato le Istituzioni ai cittadini e, in particolare, ai docenti e agli alunni i quali, pur in un momento critico per la scuola italiana, hanno ritrovato stimoli per la ricerca.


Prof.ssa Michelina Alba Fina & Prof.ssa Antonella Sannasardo