Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

“E beato chi non si scandalizza di me”
Mt 11,6; Luca 7,23

Gesù, uno scandalo. Allora come oggi

“E beato chi non si scandalizza di me” (Mt 11,6). Queste parole di Gesù – tema della 24ma  Settimana Alfonsiana – sono la risposta a Giovanni Battista che aveva inviato due discepoli a chiedergli di dire se era lui il Messia o bi­sognava attendere un altro. Il Battista era in crisi. Forse non credeva più che Gesù fosse il Messia, che pure lui stesso aveva presentato alle folle con l’immagine dell’A­gnello di Dio. Gesù non presentava i tratti del Messia: scure in mano a recidere il male alle radici, e giudice severo che colpisce senza pietà chi non rispetta la legge di Dio.

In realtà, Gesù operava diversamente, con altro stile. Rappresentava non il rigorismo di Giovanni ma la benignità di Dio. Frequentava e si faceva anche frequen­tare da gente priva di reputazione: pubblicani, lebbrosi, prostitute: neppure condannava le adultere che Mosè aveva ordinato di lapidare. Per questo si convinse, inge­nuamente, di non avere altra scelta che passare la paro­la a Gesù. Il quale rispose, a suo modo: “Andate, disse, e riferite a Giovanni quel che udite e vedete: i sordi odono e i ciechi vedono, gli zoppi camminano e i lebbrosi sono purificati, i morti risorgono e il vangelo è annunciato ai poveri. E beato – concluse – chi non si scandalizza di me” (Mt 11,4-6). Giudichi da sé, il Battista, se questi non sono segni dei tempi messianici.

Tutto si gioca su Gesù che scandalizza per avere detto: “Beati i poveri”. E perché praticava e invitava a pratica­re la compassione la pietà la misericordia il perdono. Tutti beni evangelici che nel cristianesimo hanno sem­pre fatto problema. Lo fanno ancora oggi. L’occidente cristiano infatti si sgretola – si estingue – se non rie­sce a accogliere i poveri, gli immigrati, gli stranieri che, come insegnano il Vangelo e papa Francesco, sono il volto carnale di Dio. Il cui unico comandamento è di condividere il proprio benessere con i poveri. Nessun dubbio: se si chiude ai poveri si chiude a Dio. O non è stato Gesù a dire: “Guai a voi ricchi” se non vi prendete cura, secondo giustizia, dei poveri?

Quest’anno ricordiamo la forza gentile di don Giuseppe Puglisi, il parroco di Brancaccio che servì la sua gente – ricca di dignità umana – dicendo No al potere crimi­nale della mafia. Venticinque anni fa lasciò alle città e alle chiese siciliane un immenso patrimonio di fede e di passione per la giustizia l’accoglienza la solidarietà.

Don Puglisi, un uomo che non si scandalizzò di Gesù.

Nino Fasullo

SABATO 22 SETTEMBRE ore 21:00

MUSEO SALINAS - AGORÀ VIA BARA ALL’OLIVELLA 24

ORCHESTRA A PLETTRO DEL CONSERVATORIO “V. BELLINI” DI PALERMO
E. Buzi direttore

  • Musiche di Claudio Mandonico Astor Piazzolla Manuel de Falla Giuseppe Verdi Antonio Vivaldi

DOMENICA 23 SETTEMBRE ore 21:00

ORATORIO DI SANTA CITA – VIA VALVERDE

QUINTETTO ALMEYDA DELL’ORCHESTRA SINFONICA SICILIANA
Cino  clarinetto G. Iusi  violino S. Tuzzolino  violino G. Brunetto viola D. Guddo  violoncello

  • A.W. MOZART      Quartetto d'archi in re minore KV 421 n. 15
  • A. MOZART   Quintetto per clarinetto e archi in la maggiore KV 581

LUNEDI 24 SETTEMBRE

PADRI REDENTORISTI –  VIA BADIA 52

  • Remo Bodei Università di Los Angeles
  • Nino Fasullo Direttore di Segno
  • Serafino Fiore        Sup. Prov. dei Padri Redentoristi
  • Leoluca Orlando    Sindaco di Palermo
  • Marinella Perroni  Falcoltà Teologica Sant’Anselmo, Roma

MARTEDI 25 SETTEMBRE

PADRI REDENTORISTI –  VIA BADIA 52

  • Matteo Di Gesù Università di Palermo
  • Giancarlo Gaeta Università di Firenze
  • Gianfranco Perriera Regista Teatrale e Scrittore 

MERCOLEDI 26 SETTEMBRE

PADRI REDENTORISTI –  VIA BADIA 52

  • Vanessa Ambrosecchio Scrittrice, Palermo
  • Luigi Manconi Senatore della Repubblica
  • Alessandro Santagata Università Tor Vergata di Roma

GIOVEDI 27 SETTEMBRE

PADRI REDENTORISTI – VIA BADIA 52

  • Massimo Cacciari Università San Raffaele, Milano
  • Corrado Lorefice Arcivescovo di Palermo
  • Romano Penna Università Pontificia Lateranense

VENERDI 28 SETTEMBRE

PADRI REDENTORISTI –  VIA BADIA 52

  • Roberto Andò Regista e scrittore Palermo
  • Michele Cometa Università di Palermo
  • Paolo Di Paolo Scrittore, Roma
  • Paolo Ricca  Teologo della chiesa valdese, Roma

DOMENICA 30 SETTEMBRE

ORATORIO DI S. CITA  – Via Valverde

QUARTETTO ALFONSIANO
F. Ferrara violino L. Minella  violino M. Giacosa  viola V. Caiolo v.cello

  • J. HAYDN Quartetto L’Imperatore Op. 76, n. 3
  • VAN BEETHOVEN Quartetto serioso Op. 95 in fa minore

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (24ª Settimana Alfonsiana Programmma.pdf)24A Settimana AlfonsianaProgramma1603 kB