Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
File
Titolo
NCANTU D’AMURI
Operatore
Pasciuta
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
2020-02-27
Luogo di registrazione
Palermo
Descrizione

Poesia letta da Giuseppe Pappalardo tratta da "Ciuri di notti" Ed. Thule 2019. La poesia è letta dall'Autore.

NCANTU D’AMURI
Oggi vulissi scrìviri pi-ttìa 
un cantu novu comu primavera, 
un cantu pi pinzari 
a ss’occhi toi sinceri, 
a ssi capiddi d’oru, 
a ssa vuccuzza duci com’u meli; 
però nun sàcciu ancora 
comu t’avissi a diri 
quantu ti vògghiu beni, 
nun trovu li palori, 
e lu silenziu ncelu nun ci acchiana, 
ma si sperdi ntra làcrimi e suspiri. 
E torna arrè ḍḍu iornu ca ncuntrai 
ssa vuci di riggina 
ca mi grapìu lu cori, 
ca mi fici capiri 
comu la petra po sbucciari çiuri, 
comu lu scuru po figghiari stiddi, 
comu lu sonnu si po fari amuri. 
Ah, comu tracuddò prestu lu suli! 
e nun basta lu chiantu a lluntanari 
la nègghia unni spirisci 
stu cantu miu ca è 
ncantu d’amuri.

Incanto d’amore
Oggi vorrei scrivere per te/ un canto nuovo come 
primavera,/ un canto per pensare/ a codesti occhi tuoi sinceri,/ a codesti  capelli d’oro,/ a codesta boccuccia dolce come il miele;/ però non so 
ancora/ in che modo dovrei dirti/ quanto ti voglio bene,/ non trovo le  parole,/ e il silenzio in cielo non ci sale/ ma si smarrisce fra lacrime e  sospiri.//
E torna indietro quel giorno in cui incontrai/ codesta voce di  regina/ che mi aprì il cuore,/ che mi fece capire/ come la pietra può  sbocciare (trasformarsi in) fiore,/ come il buio può generare stelle,/ come 
il sogno può diventare amore./ Ah, come tramontò presto il sole!/ e non  basta il pianto a diradare/ la nebbia in cui sparisce/ questo canto mio che è / incanto d'amore.

GIUSEPPE PAPPALARDO
Nato a Paternò, da oltre dieci anni coltiva un forte interesse per il dialetto siciliano. Ha pubblicato le raccolte di poesie in dialetto: «Occhi ‘i pueta», «Di mia a tia», «Contraventu», "Ciuri di notti". Inoltre ha pubblicato «Scrìviri - Una guida al dialetto siciliano» e «Alla ricerca del buon tempo passato», proverbi raccolti dagli alunni della Scuola di un paesino alle pendici dell’Etna. È vincitore di 15 primi premi e altri riconoscimenti in concorsi letterari siciliani e nazionali. Promuove attività volte a valorizzare il dialetto siciliano e la sua letteratura. È Consigliere dell’Ottagono Letterario e della Dante Alighieri di Palermo.


Categoria
Audioletture in Siciliano
Keywords
poesia siciliano amuri letture
Ente
privato

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Creative Commons License