Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
File
Titolo
Un granni ritruvatu di la Scienza medica (un omu gravidu)
Operatore
Pasciuta
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
2020-01-04
Luogo di registrazione
Castelvetrano (TP)
Descrizione

Brano letto dal prof. Giuseppe L. Bonanno, tratto dalla raccolta "Cialòma" di Nino Atria.

 

TESTO

Un granni rutruvatu di la Scienza medica

(Un omu gravidu)

Era misu curcatu d’un latu,
Una vota un viddanu malatu.
(Oletturi, tu sai li costumi,
Di lu nostru viddanu, e lu lumi.)
Comu dissi, era misu d’un l’atu,
Ed avia un fazzulettu attaccatu,
Comu appuntu li fimmini fannu,
Quannu soffrinu qualchi mal’annu. —
Fu chiamatu un novellu dutturi,
Pi curarlu cu tuttu l’amuri;
E vidennulu scrivi ’na cura,
Ed afferma ch’è cosa sicura…..
A l’amati parenti ci dici,
Di circari ’na bona nutrici;
Ma chi dassiru belli e sunanti,
Tri cartelli ed un forti purganti:
Chi applicassiru gran sinapismi,
E facissiru tri entoreclismi.
Lu viddanu a stu dittu si susi;
Li parenti su’ tutti cunfusi;
Curri nudu ed afferra un vastuni,
Pi ddu celebru e gran cucuzzuni,
E poi grida: Quann’è junta l’ura
Vogghiu moriri senza duttura!


TRADUZIONE

Un grande ritrovato della Scienza medica

(Un uomo gravido)

Era messo coricato da un lato
Una volta un contadino malato.
(o lettore, tu sai i costumi,
del nostro contadino, e l’intelligenza.)
Come dissi, era messo da un lato,
E aveva un fazzoletto messo,
Come appunto le femmine fanno,
Quando soffrono di un qualche malanno.—
Fu chiamato un novello dottore,
Per curarlo con tutto l’amore;
E vedendolo scrive una cura,
Ed afferma ch’è cosa sicura…
Agli amati parenti dice,
Di cercare una buona nutrice;
Ma che dessero belli e sonanti,
Tre tre bidoni di un forte purgante:
Che applicassero gran cataplasmi
E facessero tre enteroclismi,
Il contadino a queste parole si alza;
I parenti sono tutti confusi;
Corre nudo ed afferra un bastone,
Per quel celebre e gran testone,
E poi grida: Quand’è giunta l’ora
Voglio morire senza dottori!

 

 

Categoria
Audioletture in Siciliano
Keywords
audioletture, poesia, Cialoma, Nino Atria
Ente
Privato

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Creative Commons License