Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
File
Titolo
Il Racconto dell'Acqua: la Gurna di "pani et vinu" - video
Operatore
Santa Sorbello
Data di registrazione (aaaa-mm-gg)
2015-11-25
Luogo di registrazione
Giarre
Descrizione

La Gurna di “pani et vinu”

Si vuole aprire qui una “finestra” sulla storia di un’area ritenuta sicuramente fra le più importanti dell’antica Contea di Mascali. L’operazione è stata resa possibile grazie al supporto della documentazione archivistica che, incrociata a quella iconografica e storica, ci restituisce un’immagine del territorio fin’ora inedita.

Storicamente l’area, insieme a tutta la Contea di Mascali, era assegnata alla mensa vescovile di Catania. Ne faceva parte il limitrofo pantano o “lago di Auzanetto” che qui si scopre essere stato un antico biviere e la Gurna stessa le cui acque, come denota lo stesso toponimo di “Pane e Vino”, vengono ritenute talmente importanti da assumere significato di sacralità. Essa si configura ai giorni nostri come uno degli  ultimi frammenti di una vasta area umida, che fino al secolo scorso si estendeva lungo la costa ionica, ai piedi del vulcano Etna, alimentata dalle acque di molteplici sorgive.

Il lettore qui scoprirà che la Gurna, oltre la notevole valenza naturalistica, rimane come scrigno di testimonianze storiche ed architettoniche eccezionali, capaci di raccontarci una storia lunga più di mezzo millennio.

 

Categoria
Mestieri e Saperi Tradizionali
Keywords
acqua, sorgenti, pozzi, abbeveratoi, norie, senie, mulini, fontane, cisterne, neviere, sistemi di coltivazione, sistemi di produzione agricola
Ente
Soprintendenza di Catania

Con l'operazione di caricamento del materiale selezionato dichiari di essere il detentore dei diritti di riproduzione e di distribuzione del medesimo.

Scegli con quale licenza rilasciare il file caricato. Trovi come scelta predefinita la licenza Creative Commons CC 2.58 ITA; è la scelta di massima adesione alla filosofia "Arca dei Suoni". Altrimenti puoi riservarti tutti i diritti scegliendo l'opzione "copyright".

Tutti i diritti riservati